Voci Siciliane

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
GAETANO MINALE GAETANO MINALE Pubblicato il 05/12/2018
BIOGRAFIA My Story

BIOGRAFIA My Story

BIOGRAFIA

My Story A BIT ABOUT ME

BIOGRAFIA

1938 - Gaetano Minale nasce ad Agnone (Molise) il 4 Luglio. -

1949 - Frequenta la scuola d`Avviamento professionale e la scuola Tecnica ad Agnone e l` I.T.I. a Chieti dove si diploma come perito elettrotecnico. -

1951 - Primi disegni ad inchiostro di china esposti in bacheca della scuola Tecnica e primi acquerelli. -

1962 - Assunto da una società elettrica Unes , nazionalizzata nel 1963 come Enel . Inizia il lavoro ad Atessa nel 1963. -

1969 - frequenta l`atelier del maestro artigiano pittore restauratore Gennaro Bravo ad Atessa fino al 1975 ed apprende tutte le procedure dell`utilizzo dell`olio su tela . -

1975 - Prima mostra personale presso la Galleria del Corso ad Atessa organizzata da una gallerista di Cremona. -

1976 - Conosce il pittore incisore Gildo D`Annunzio che lo invita ad esporre le sue opere alla Galleria Gelmi di Sesto San Giovanni (Milano) in una collettiva con affermati artisti. Inizia cosi l`attività artistica di Minale Gaetano pittore e, fino ad oggi ha realizzato tra personali e collettive oltre 120 mostre in tutto il mondo.976 - La sua tematica pittorica per oltre un trentennio è stata la cultura e la tradizione contadina abruzzese, dove l`attaccamento alla  propria terra appare evidente ; un mondo antico che va scomparendo , ne ravvisa la sofferta esistenza di un vivere che solo nel contatto profondo con la natura può trovare soluzioni esistenziali. In queste opere si riscontra una nostalgia struggente di un mondo che va scomparendo dovuto alla inciviltà di questa modernità.

2011 - La donna diventa la vera protagonista della sua pittura in simbiosi con la natura ; nascono le grandi tele dove si vedono lunghi paesaggi di immense distese di papaveri , girasoli e margherite dove la luce entra sugli ampi e fioriti prati e ne sparge la luminosità . Gialle ginestre ai piedi della Majella e gli spettacolari trabocchi lungo la costa adriatica del teatino a testimonianza della antica pesca su palafitte con rete, e poi le figure e volti di donne immerse tra i verdi prati fioriti che, anche se immobili parlano di vita.

1977 - Ha conseguito l`Oscar Italia per le arti figurative per La sua Fattiva e Importante attività nel campo artistico-culturale

1978 - Nominato Accademico d` Italia con medaglia d`oro.

1989 - Ottiene la nomina di Professore Onoris Causa e conferitogli il premio Oxfort London Prize .

1999 - dona al Pro Loco  di Castel del Giudice (IS) 12 dipinti raffiguranti scorci e paesaggi del piccolo e suggestivo paese per utilizzarli alla riproduzione di serie di calendari da inviare a tutti gli emigranti della zona sparsi in molte parti del globo.

2008 - Collabora per la pubblicazione di un volume Le Campane di Atessa realizzando 12 dipinti di antiche chiese di Atessa oggi non più esistenti, ricostruite sulle base di documenti dell`epoca e testimonianze, che vengono riprodotte in appendice del libro a cura di Lello D`Amico.

2011 - Viene nominato artista per l`UNICEF provincia di  Palermo , per la sua sensibilità artistica . -

2015 - Realizza una serie di dipinti su carta che verranno utilizzati dalla scrittrice di fiabe Rita Cerimele di Torino , per una raccolta dal titolo La Ragazza Con La valigia Rossa per conto della Etica di Torino.

2015 - In onore della XXV edizione della Passione di Cristo organizzata dalla Associazione Culturale Ate Tixe Studium , svoltasi ad Atessa nel Marzo 2016 , realizza un dipinto del Cristo Crocefisso che servirà per l`immagine e la riproduzione dei max manifesti e cataloghi illustrati della manifestazione.

2016 - Silvana Costa, utilizzerà una serie di dipinti dove la poetessa riesce ad entrare e ne descrive le stesse emozioni dell`artista nell`atto dell`esecuzione , realizzando il volume per la silloge Liriche Visioni - Quando le Immagini toccano il cuore la pittura diventa poesia  

2016 - Con atto notarile , dona al comune di Atessa 105

dipinti di grafica che ritraggono scorci e paesaggi di Atessa , che vengono esposti in permanenza presso il Foyer dell`Auditorium Italia alla pinacoteca comunale a lui intestata.  

Pittore e disegnatore ha tenuto 120 mostre nelle principali città italiane ed ha esposto in manifestazioni artistiche sia in Italia che all`estero.

2015 - Realizza il  il volume La pittura di un Uomo Comune

2016 - Pubblica il volume Atessa  in Bianco e Nero

2016 - Il Comune di Atessa pubblica Atessa , La Grafica nella Pinacoteca Gaetano Minale

2017 - Pubblica il volume Donna e natura nella pittura di Gaetano Minale .

Θ citato nelle principali pubblicazioni d`arte contemporanea e, per la sua personalità artistica è stato chiamato a far parte dell`Accademia San Marco, dell`Accademia dei “500”, dell`Accademia d`arte Moderna di Roma, dell`Accademia Tiberina e della Legion d`Oro. Θ membro effettivo dell`Unione mondiale della Cultura e, la sua scheda Biblio-Biografica è depositata all`archivio storico per l`arte italiana del novecento al Kunsthistoriches Institut in Florenz di Firenze e nell`archivio storico dei pittori e scultori italiani del novecento della Casa Editrice Il Quadrato di Milano.
 Della sua opera pittorica ne ha parlato la stampa nazionale ed internazionale, radio, televisione; sue opere figurano in collezioni private ed Enti pubblici sia in Italia che all`estero.
Critici interessati alla sua Arte: Giuseppe Martucci, Katia D`Annunzio, Stefano Tenedini, Maria Carla Morbiducci, Vito Calogero, Mario Lanci, M. Milet, Gerardo Vittoria, Silvia Ramini, Bernard Gauthron, Ennio Bramato, Marina Marzoli, Nicola Scalisi, Renato Lamperini, Giorgio Carpaneto, Rossano Borzillo, Ennio Moro, Roberto Mangione, Guido Massarelli, Alex Capus, Fernando Sofra, Valerio Utri, Nello Punzo, Diego Castronovo, Giuseppe Rancitelli, Duilio Fornarola, Giuseppe Masci, Claudio Cattani, Angela Verardo,
Nunzio Livrieri, Maria Delli Quadri, Giorgio Falossi, Lucia Di Cintio, Enzo Carmine Delli Quadri ed altri.

Principali Mostre Personali e Collettive​

1975 Galleria d`Arte Gelmi – Sesto San Giovanni (MI)
1976 Galleria La Stadera – Sulmona (AQ)
1976 Sala Beato Angelico – Roma
1976 Galleria Il Pavone – Milano
1976 Galleria Lo Scacco – Giulianova
1976 Galleria Michelangelo – Firenze
1976 Galleria Sala Maschio Angioino – Napoli
1976 Galleria Città Eterna – Roma
1976 Galleria Alba – Ferrara
1977 Galleria Casabella – Santa Margherita Ligure (GE)
1977 Mostra Itinerante – Madrid (Spagna)
1978 Mostra Itinerante – New York (USA)
1978 Bottega d`Arte – Chieti
1978 Galleria 46 – Lanciano (CH)
1978 Galleria Tiberina – Roma
1978 Galleria Hotel Spiaggia – Alassio (SV)
1979 Club degli Artisti – Foggia
1979 Place Baudoyer – Parigi (Francia)
1980 Palazzo dei Nobili – L`Aquila
1980 Galleria Segno Grafico – Venezia
1980 Salone Esposizione – Salsomaggiore (PR)
1981 Galleria Colonnello – Sant Vincent (AO)
1981 Villa Olmo – Como
1981 Galleria Martinez – Cannes (Francia)
1982 Sala Scuola Media – Pratola Peligna (AQ)
1983 Palazzo Esposizione – Salsomaggiore (PR)
1983 Salone Basilica San Giovanni in Laterano – Roma
1983 Palazzo Esposizione – Empoli (FI)
1984 Palazzo Reale – Milano
1984 International Hall – Los Angeles (USA)
1985 Sala Consiliare – Villa Santa Maria (CH)
1985 Galleria Chou-Ku – Tokyo (Giappone)
1987 Galleria La Sonda – L`Aquila
1990 Camera di Commercio – Chieti
1991 Galleria L`Astoria Karolyl – Budapest (Ungheria)
1993 Galleria La Defense – Parigi (Francia)
1996 Sala Pera Palas – Istanbul (Turchia)
1997 Auditorium Diocleziano – Lanciano (CH)
1998 Sala San Gaetano – Atessa (CH)
1999 Galleria Centro Arte – Bologna
1999 Galleria Ambassadors – Londra (Inghilterra)
2001 Sala Consiliare – Atessa (CH)
2002 Sala Museo Palazzo D`Avalos – Vasto (CH)
2008 Galleria Museo Palazzo Mayer – Fossacesia (CH)
2009 Sala ex Distretto Sanitario – Atessa (CH)
2012 Parco Archeologico Monte Pallano – Tornareccio (CH)
2015 Fondaco dei domenicani – Atessa (CH)

PREMI E RICONOSCIMENTI

1976 Premio “Federico Faruffini” (secondo premio) – Sesto San Giovanni (MI)
1977 Premio “Giacinto Gigante” (terzo premio) – Napoli
1977 Premio C. R. E. (primo premio) – Chieti
1978 Premio Dea Minerva (primo premio) – Lecce
1978 Assegnazione Premio Parlamento Europeo – Roma
1978 Quadriennale di Napoli (terzo premio) – Napoli
1978 Assegnazione Leon d`Oro – Firenze
1978 Premio “Villa Alessandra” (primo premio grafica) – Alanno (PE)
1979 Premio Pratola (primo premio grafica) – Pratola Peligna (AQ)
1980 Assegnazione Premio MID TIMES – Roma
1981 Assegnazione Premio CULTURA FIDES – Città del Vaticano
1982 Premio Emigrazione (secondo premio) – Pratola Peligna (AQ)
1983 Assegnazione Premio “Cesare d`Oro” – Verona
1985 TSUKUBA EXPO (segnalato) – Tokyo (Giappone)
1987 Premio “Maestri del Colore” (primo premio) – Fidenza (PR)
1988 Premio “Una Vita per L`Arte” (primo premio) – Milano
1990 Centenaire de la Tour Eiffel (premio Commissione) – Parigi (Francia)
1991 Premio “Maestri Famosi” (primo premio) – Viareggio (LU)
1993 Assegnazione Premio “Le Grand Arc” de la Defense – Parigi (Francia)
1996 Assegnazione Gran Premio Bisanzio – Istanbul (Turchia)
1997 Assegnazione l`Oscar della Professionalità dell`Arte – Latina
1998 Assegnazione Trofeo Città di Padova – Padova
1999 Assegnazione Premio alla Carriera – Ferrara
2000 Assegnazione Premio London 2000 – Londra (Inghilterra)
2014 Assegnazione Premio “Squacciafìchere D.O.P.” – Atessa (CH)
2014 “Artista Per la Pace” Colori e musica per i Diritti Umani – Brindisi

Bibliografia essenziale

1976 – 77 – 78 – 79 Catalogo Nazionale il Quadrato – Milano
1976 Catalogo Nazionale Gelmi – Sesto San Giovanni (MI)
1977 – 78 – 79 Annuario Comanducci – Milano
1977 Guida all`Arte Italiana – Ancona
1977 La nuova Ribalta Artistica – Piacenza
1978 Arte Base – Torino
1979 Notiziario Accademia – Roma
1980 – 82 Catalogo Nazionale Bolaffi – Torino
1982 Praxis Artistica – Rimini
1984 – 1985 Annuario Comed – Milano
1984 Il Libro d`Oro dell`Arte Contemporanea – Milano
1984 Vademecum dell`Arte – Firenze
1989 – 90 – 95 L`Elite Selezione Arte Italiana – Varese
1997 – 2000 Dizionario Alba – Ferrara
1994 – 97 – 99 TOP ART – Ancona
2005 Pittori e Scultori del Novecento – Castellammare di Stabia (NA)
2009 Arte Selezione Int.le l`Elite NEW – Varese
2010 Censimento Artisti Italiani –  Palermo
2011 Speciale Artisti dell`UNICEF –  Palermo
2012 L`Elite Selezione Arte ed. Artitalia – Varese

IL PITTORE DELLA NATURA

 

Ci colpisce quel suo modo personale di fare pittura, quel suo stendere il colore in tanti piccoli colpi, stesse linee che portano fragranza alle sue opere.

Lunghi paesaggi con antichi ulivi, case dai tetti rossi e gialli pagliai, ma anche figure femminili dedite al lavoro dei campi e quelle maschili insieme agli animali.

Gaetano Minale è in rapporto diretto con la natura a cui dona pace e decoro con il suo dipingere pacato e sobrio, con i colori carminio e azzurro, giallo e bianco, realizza le distese di fiori e tetti rossi di case dalle pareti spugnose. In questo modo si lancia nella poesia, ma la sua particolarità è nella stesura di questo colore che gli consente di attirare la luce, di rifrangerla in mille parti e spargerne la luminosità come pochi grandi artisti sanno fare.

Ogni mistica che possa fuoriuscire da queste fusioni, finisce per concentrarsi in questo luccicare che porta al ricordo, alla sofferenza alla dolcezza.

La luce entra ed illumina, la luce scivola e rifrange sugli ampi e fioriti prati costruiti con la divisione degli schemi, il punteggiare delle corolle, l`accorparsi di cieli bianchi e azzurri, ma anche rossi di folgore solare per sottolineare certe situazioni.

La magia delle terze campiture dona un senso alla vita in presenza attiva, la realtà è interpretata e dominata da tutti i valori della scala cromatica.

La pennellata corre veloce sulla punta a tracciare chiome di alberi e si fa più spessa per sottolineare tronchi, pagliai e figure. Sono queste che danno forme e corpo ai mestieri ormai scomparsi, ai sacrifici ancora attuali, agli scontri tra giovani, che irrompono nel fragore del presente.

La capacità di Gaetano Minale porta l`osservatore al suo paesaggio, un paesaggio diverso nell`atmosfera riportato alla vita con ulivi dallo sfondo romantico, dalla luce solare che inchioda una realtà di sudore e di lavoro, una realtà che l`arte di Gaetano Minale parte da un colore che si fa sentimento e storia.

L`uomo, i suoi casolari sono in armonia con la natura e fanno rivivere la speranza di una nuova fanciullezza lontana dal logorante frastuono della nostra epoca.

Gaetano Minale, il pittore della natura, in una difesa che non deve essere solo ricordo ma che Minale affida all`arte.

E questo è il suo messaggio per una vita migliore.


GIORGIO FALOSSI




 Dipinto di DOLCEZZA SUADENTE, che cattura l` osservatore nell`atmosfera magica e romantica del suggestivo scenario, cogliendone una sensazione di serenità.

L` autore ci invita ad osservare la natura, attraverso le emozioni ispirate dall`armonia dei colori; la cattura di un attimo con la metodologia della “ VISIONE” istantanea, tipica dell` impressionismo, mettendo in risalto , il modificare delle “ FORME “ .

Un paesaggio reso “ VIVO ; mutevole specchio d`acqua accarezzato da lussureggiante vegetazione , tonalità delicate e brillanti , sulla superficie dell`acqua tocchi di colore frammentati, per dare senso di movimento ai riflessi . Molta cura sulla resa delle trasparenze dell`acqua, per cogliere il luccichio della luce, sulle trasparenze acquifere che riflettono gli alberi . Gaetano Minale cultore di raffinata bellezza.


CELESTE ARCIERI








La pittura di Gaetano Minale esprime, innanzitutto, umanità, poesia, dolore in un contesto reale e vero di paesaggi rurali, contadini, silenziosi, dove è l` ambiente che grida la sua presenza e impone la sua dominazione.

Capanni, pagliai, masserie, figure solitarie e drammatiche, solari e aperte alla vita solo quando la natura si risveglia. Quel che traspare è quindi, una simbologia di nostalgici e commoventi momenti che il tempo moderno sta piano piano frantumando.

I colori, in particolare, le pennellate utilizzate, del tutto personali, rimandano ad una cromaticità ricca, intensa, fortemente espressiva che, in molti e diversi temi trattati fa trasparire un intimità ed espressività uniche.




ENZO CARMINE DELLI QUADRI








Con grande capacità emotiva Gaetano Minale riesce a cogliere istanti di vita, sensazioni e sentimenti attraverso forme e cromatismi vivaci da cui si sprigiona il

profondo amore per la vita proprio del suo modo di essere uomo e che come artista riesce a rivelare nei suoi dipinti.

Le sfumature, la luce e i colori sono fusi in un unico elemento capace di suscitare serenità e armonia in un mondo espresso naturalmente e filtrato attraverso lo specchio dell` anima, in un atmosfera in cui identificare la propria identità . Le sue immagini divengono esempio di un colloquio immediato col mondo naturale, sono il veicolo di incontro con una passione di vita incontaminata che nasce direttamente dal cuore e dalle sue esigenze più intime.


PAOLO A. DI MARTINO



GRANDE MAESTRO DI VITA

 

Scrivere dell`arte di Minale è come perdersi tra colori e immagini, cercare di restituire le sensazioni di pennellate dense, dalle tinte forti e vivaci quanto profonde.

La natura è senza dubbio uno dei temi a lungo indagato dal maestro, sin dall`inizio della sua carriera. I pagliai, ulivi che hanno profili umani e poi la meraviglia del mondo contadino con i suoi frutti. Il maestro Minale è approdato ad una nuova dimensione, alla natura si aggiungono figure e volti di donne, presenti anche se talvolta di spalle, che pur immobili parlano di vita.

Minale rappresenta una sorta di rinascita, la sua, ma anche quella di una natura ciclica che fa sbocciare fiori, in grado di donare, ricominciare ad essere parte del mondo, proprio come le sue figure femminili.

Nei luoghi sconfinati si vedono i colori dei fiori e del verde in grado di far perdere la vista, papaveri e girasoli, ma anche le distese di azzurro mare. Al sole si mischiano le tinte delle stagioni o quelle del bosco, che scorrono nello sguardo delle protagoniste femminili.

Θ viva e forte la capacità di rappresentare una natura madre, donna, in grado di accogliere, proteggere e osservare. Un connubio di immagini e sensazioni, quelle in cui ognuno può trovare la propria emozione, rappresentate con una pittura forte e corposa tanto amata dal maestro.

Minale ha saputo unire temi che viaggiano insieme ma anche paralleli, opere che parlano di un paesaggio che si apre alla vista ed altre in cui l`intensità di un messaggio è affidato a donne dai capelli lunghi, di spalle o dalle braccia aperte, incisive nei colori che prendono forma.

Del maestro Minale si riconosce la densità della pittura e la passione, come quella che i grandi pittori dei colori hanno rappresentato nella Storia dell`Arte, e l`intensità delle sensazioni sempre positive, che sono speranza e vita nuova.

Nelle sue opere c`è una natura fatta di luoghi che ti abbracciano e di altri che ti lasciano immobile per la loro grandezza espressa dalle tonalità lucide e vive. Sono i rossi e i gialli, più leggeri o intensi, quelli che da sempre mi colpiscono nelle sue opere. Ciò che avvicina e colpisce di questi colori è la capacità di essere incisivi, non solo nelle tinte, ma soprattutto nelle emozioni. Sono paesaggi, più piccoli dettagli, sguardi sconfinati e profili più umani, ma sempre ed in ogni momento accomunati solo da mille sfumature, quelle di pura vita.

                                              Francesca Stefano



UNA CONSAPEVOLE SCELTA POETICA

 

L` immediatezza comunicativa e la potenza espressiva costituiscono la prima attrazione di quel lungo ed interessante discorso pittorico che Gaetano Minale crea ed elabora da tempo. Quando la gamma degli impasti caldi sfocia nelle visioni campestri, l` emotività del fruitore viene sollecitata, avvinta e percorsa da tante sottili emozioni.

Ne scaturisce un contesto genuino di lontani tradizioni e nel contempo un inquieto, reale ed incisivo vedutismo che coinvolge la sensibilità dell`essere in un amplesso di meravigliosa luce scenica. I valori tematici sono sottolineati dalle tonalità azzurrine e sebbene con altra modulazione, rispetto al cromatismo dei gialli, l` interesse non si affievolisce, anzi si rende più penetrante nel sentimento sino ad insinuarsi costantemente nel pensiero e da qui la consapevolezza di trovarsi “ agganciati “ al discorso . Le vallate, i pagliai, i casolari ma soprattutto la caratteristiche pietre delle costruzioni sono la risultante di una precisa terminologia altamente significativa e culturale delle poetiche che vengono rappresentate con suggestive visioni naturalistiche di vasto respiro e senza dispersive diversificazioni ambientali.

L` interpretazione delle caratteristiche atmosfere della natia terra è condotta con uno stile artistico proprio e sicuro e da esso traspare l` intenso amore, una forza espressiva sensitiva oltre che all`innato gusto del colore . Ad interrompere questa pacata linearità scenica, spesso è una sottile vena surrealista che si inserisce nel contesto pittorico non già per evadere dall`ambiente naturale ma per la spontaneità del carattere romantico il quale, attraverso le interiori forze inquiete, avverte il trasformarsi della natura ad opera dell`uomo e da cui il tentativo di una accesa resistenza. Si spiegano così i grovigli degli esseri-alberi quale rappresentazione della vera fonte di vita, dell` attaccamento dell`uomo alle proprie origini e della decisiva volontà a superare l` ostacolo della violenza. Una serie di elaborati, quindi, evocatori di un paesaggio reale e semplice, a volte fantasioso ma sempre aperto ad un intenso lirismo che chiarisce una spontanea e consapevole scelta poetica guidata, essa, da un pensiero intelligente e raffinato.



RENATO LAMPERINI





Alia - Viste 47 - Commenti 0