Voci Siciliane

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DRAGO CALOGERO DRAGO CALOGERO Pubblicato il 15/04/2018
AIDHA (Colei che parte ma ritorna)

AIDHA (Colei che parte ma ritorna)

Era sempre li, a muoversi e rimuoversi su quell`aiuola spartitraffico. L`ombra della Madonnina in cima all`enorme cupola del santuario sembrava girarle intorno come a volerla proteggere. Inizialmente credevo stesse aspettando l`autobus, successivamente capii che non era cosý. Abbassava gli occhi a e si girava dalla parte opposta come a vergognarsi della sua condizione. - << Eppure!>> pensavo << per il suo lavoro avrebbe dovuto avere una buona dose di sfacciataggine >>.
In quei giorni, tutti i giornali, riviste e telegiornali nazionali e privati mostravano la foto di un bambino senza vita, adagiato sul bagno-asciuga di una spiaggia del mediterraneo. Non so il perchÚ, ma la mia mente corse alla donna dell`aiuola spartitraffico senza prima non aver riflettuto sull`atroce dilemma che si era insinuato in me << Una madre che fugge da qualcosa di orribile e si trova a perdere per la strada uno dei suoi beni pi¨ preziosi cosa fÓ? >>
Tramite la mia fantasia Aidha (non ho trovato nome pi¨ appropriato) ha scelto l`atto pi¨ orrendo e forse il pi¨ saggio.
Nei miei momenti di silenzio penso a quella ragazza (che non ho pi¨ rivisto). Il suo posto come il perpetuarsi del male e stato preso da un`altra. Nulla Ŕ cambiato, la stessa aiuola, lo stesso andirivieni, la stessa ombra della Madonnina che sembra girarle intorno e forse lo stesso sogno di Aidha. "FA` CHE IO POSSA ALLA MIA TERRA TORNARE."

AIDHA
(colei che parte ma ritorna)

E se lo strinse forte al petto
poi lo poggi˛ sul bianco arenile
era quella la terra promessa
non doveva essere quello il suo avvenire.

Guard˛ il cielo in cerca d`aiuto
e lo trov˛ vuoto, pallido e muto.
Quel Dio che tanto aveva pregato
non corse tra i flutti per cambiare il fato

si asciug˛ col palmo il suo bel viso
abbass˛ gli occhi e fece un sorriso,
era un sorriso pieno d`amore
un pianto straziato, un urlo del cuore.

E and˛ in silenzio senza fiatare
lasciando il suo bimbo al cullare del mare
imbocc˛ la strada del suo avvenire
trov˛ aguzzini e letti di spine.

Passato Ŕ il tempo e non sta pi¨ a cercare
la strada dei sogni aldilÓ del mare
guarda il cielo e si ferma a pregare
"fa che io possa alla mia terra tornare".

Calogero DRAGO

Alia - Viste 321 - Commenti 1
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi post